Narrativeoflives.com

Il Sole 24ore
  • Data loading...
ebay store
Ansa
  • Data loading...
stellantis 1200 1 1050x551 AtiwTE

Partono gli incontri al Mimit sugli stabilimenti Stellantis ma l’azienda non c’è. Airaudo (Cgil): “Inutili senza Tavares”

Sono iniziati oggi al ministero delle Imprese e del Made in Italy di Adolfo Urso, i tavoli sugli stabilimenti Stellantis. Non c’è il numero uno del gruppo Carlos Tavares che è invece solito presenziare agli incontri organizzati dal governo francese. Il primo incontro riguarda la fabbrica di Melfi. In questo caso non solo non c’è Tavares ma non c’è nessuno dell’azienda che ha chiamato in causa la “policy aziendale legata agli incontri nel periodo di campagna elettorale” per giustificare la sua assenza. Mercoledì si esaminerà il caso di Mirafiori, uno degli stabilimenti sul quale si concentrano le maggiori preoccupazioni dei sindacati. Nelle scorse settimane i vertici aziendali hanno indicato lo storico stabilimento torinese e quello di Pomigliano tra quelli più a rischio se l’Italia non aumenterà incentivi e ad agevolazioni per Stellantis. Chissà se si parlerà anche dell’audace proposta del ministro Pichetto Fratin di fare di Mirafiori un polo per la costruzione di reattori nucleari. Il 5 aprile il confronto al ministero riguarderà Atessa, lo stabilimento abruzzese dove si fabbricano i veicoli commerciali di Stellantis, mentre nelle settimane successive sarà la volta di Cassino, Pomigliano, Modena e Termoli.

Con il tavolo di oggi su Melfi, alla presenza del presidente della Basilicata Bardi, inizia un percorso di analisi dei singoli stabilimenti Stellantis alla presenza di sindacati, Regioni, azienda e Anfia. Domani sarà il turno di Mirafiori e giovedì di Atessa, sui veicoli commerciali. Una seconda fase anche per comprendere quali siano le strategie che Stellantis vorrà mettere in campo. Alla fine di questo ‘secondo tempò vorremo giungere a un documento conclusivo vincolante sia per l’azienda sia per il governo e per le Regioni, e che sia condiviso dalle parti sociali e dall’Anfia. Così, secondo quanto si apprende, il ministro delle imprese e del Made in Italy Adolfo Urso in apertura del tavolo.

“I tavoli senza Tavares sono inutili, a Roma come a Torino. Nell’ultimo mese l’amministratore delegato di Stellantis ha detto cose contraddittorie su Mirafiori da molto lontano, venga ad assumersi le sue responsabilità. Ogni volta si comincia daccapo come nel gioco dell’oca”, taglia corto Giorgio Airaudo, segretario generale della Cgil Piemonte, al termine dell’incontro convocato dal presidente della Regione Alberto Cirio e dal sindaco Stefano Lo Russo con i sindacati e le associazioni datoriali per fare squadra in vista dell’appuntamento romano. “Siamo a questo tavolo innanzitutto per scongiurare il rischio di dismissione degli impianti italiani e dall’altro lato l’azienda dovrà dire se continua il processo di esodi dall’azienda o se ci sono gli investimenti, questo è il punto fondamentale”. Lo ha detto il leader della Fiom, Michele De Palma, entrando al Mimit per l’incontro con Stellantis sullo stabilimento di Melfi. “Se la Germania decide di investire 55 miliardi in un anno sul settore dell’automotive, noi non ce la caviamo con qualche incentivo all’acquisto dell’ auto”, ha ammonito De Palma.

L’articolo Partono gli incontri al Mimit sugli stabilimenti Stellantis ma l’azienda non c’è. Airaudo (Cgil): “Inutili senza Tavares” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Generated by Feedzy