Narrativeoflives.com

Il Sole 24ore
  • Data loading...
ebay store
Ansa
  • Data loading...
netanyahu 4 1050x551 CujTi6

L’Aia chiede l’arresto per Netanyahu, Gallant e Sinwar. Il procuratore: “Crimini di guerra e contro l’umanità”. Biden: “Vergognoso”

Era ciò che il governo d’Israele temeva, dopo le indiscrezioni circolate nelle scorse settimane. Adesso il procuratore capo della Corte Penale Internazionale ha chiesto alla Camera preliminare del tribunale de L’Aia di emettere mandati di arresto contro il premier israeliano, Benjamin Netanyahu, e il suo ministro della Difesa, Yoav Gallant, con l’accusa di “crimini di guerra e crimini contro l’umanità” commessi nella Striscia di Gaza dopo l’8 ottobre 2023. La medesima richiesta, che si riferisce, però anche a ciò accaduto il 7 ottobre con il massacro commesso da Hamas, ha raggiunto anche il capo del partito armato palestinese nella Striscia, Yahya Sinwar. Nello specifico, sono diversi i leader dell’organizzazione citati nella richiesta del procuratore Karim Khan. Oltre a Sinwar, nell’elenco risultano anche Mohammed Deif, capo delle Brigate Ezzedin al-Qassam, il braccio armato di Hamas, e Ismail Haniyeh, leader politico del partito. Anche per loro l’accusa è quella di “crimini di guerra e contro l’umanità” commessi in Israele e nella Striscia di Gaza dal 7 ottobre 2023. La richiesta ha provocato le proteste da parte dei vertici israeliani, di Hamas e anche degli Stati Uniti, con Joe Biden che l’ha definita “vergognosa”.

Nelle motivazioni della richiesta, il procuratore Khan accusa il premier Netanyahu e il ministro Gallant di “aver causato lo sterminio, aver usato la fame come metodo di guerra, compresa la negazione di forniture di aiuti umanitari, aver deliberatamente preso di mira i civili durante il conflitto”. Khan ha poi aggiunto che “gli effetti dell’uso della fame come metodo di guerra, insieme ad altri attacchi e punizioni collettive contro la popolazione civile di Gaza sono acuti, visibili e ampiamente conosciuti. Comprendono malnutrizione, disidratazione, profonda sofferenza e un numero crescente di morti tra la popolazione palestinese, compresi neonati, altri bambini e donne”.

“Oggi dobbiamo essere chiari su una questione fondamentale. Se non dimostriamo la nostra volontà di applicare la legge in modo equo, se viene vista come applicata in modo selettivo, creeremo le condizioni per il suo crollo”, ha affermato Khan nella sua richiesta. “Così facendo – aggiunge – allenteremo i legami che ancora ci tengono uniti, le connessioni stabilizzanti tra tutte le comunità e gli individui, la rete di sicurezza a cui tutte le vittime guardano nei momenti di sofferenza. Questo è il vero rischio che corriamo in questo momento. Ora più che mai dobbiamo dimostrare collettivamente che il diritto internazionale umanitario, la base fondamentale per la condotta umana durante i conflitti, si applica a tutti gli individui e si applica allo stesso modo in tutte le situazioni affrontate dal mio Ufficio e dalla Corte. È così che dimostreremo, in modo tangibile, che le vite di tutti gli esseri umani hanno lo stesso valore”.

Reazioni negative arrivano sia dal governo d’Israele sia da Hamas. Da Tel Aviv una fonte citata da Ynet commenta dichiarando: “Ipocrisia e vergogna internazionale”. In via ufficiale a prendere la parola è anche Netanyahu che parla di “scandalo“, precisando però che “questo non fermerà né me né noi”. Per il ministro del Gabinetto di guerra, Benny Gantz, “la posizione del pubblico ministero all’Aja sarà un crimine storico che non scomparirà. Lo Stato di Israele ha intrapreso la strada più giusta della guerra dopo un massacro da parte di un’organizzazione terroristica contro i suoi cittadini. Israele combatte nel modo più morale della storia, rispettando il diritto internazionale e disponendo di un sistema giudiziario indipendente e forte”. Quindi, “mettere i leader di un Paese che è andato in battaglia per proteggere i suoi cittadini sulla stessa linea dei terroristi assetati di sangue è cecità morale e una violazione del suo dovere e della sua capacità di proteggere i suoi cittadini”. Il ministro degli Esteri, Israel Katz, parla di “scandalosa decisione, un attacco frontale e senza riserve contro le vittime del 7 ottobre e i nostri 128 rapiti a Gaza. Una vergogna storica”. Lo stesso approccio, con punto di vista contrario, è quello del partito armato palestinese, con una fonte interna secondo cui la Cpi “mette sullo stesso piano la vittima con il carnefice”. Questo “incoraggerà la continuazione della guerra di sterminio”.

Dall’estero, nella serata di lunedì arrivano le proteste dell’amministrazione americana. Per primo ha parlato il segretario di Stato, Antony Blinken, secondo cui gli Stati Uniti “respingono” la richiesta del procuratore: “Rifiutiamo l’equiparazione di Israele con Hamas. È vergognosa“. Successivamente ha parlato anche il presidente Joe Biden che ha definito “la richiesta del procuratore vergognosa. E vorrei essere chiaro, qualunque cosa questo procuratore possa implicare, non esiste alcuna equivalenza, nessuna, tra Israele e Hamas. Saremo sempre al fianco di Israele contro le minacce alla sua sicurezza”.

L’articolo L’Aia chiede l’arresto per Netanyahu, Gallant e Sinwar. Il procuratore: “Crimini di guerra e contro l’umanità”. Biden: “Vergognoso” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Generated by Feedzy